Paghe dei dirigenti, legittima la condotta di Arpa

                     COMUNICATO STAMPA

 

 Paghe dei dirigenti, legittima la condotta di Arpa

 

Arpa ha ridotto lo stipendio del suo direttore generale, il cui emolumento supera i 90 mila euro lordi annui, in ossequio alla legge regionale n°1 del gennaio 2011, dalla data di entrata in vigore della normativa in questione.

 I compensi del vice direttore generale e dei tre dirigenti di settore dell’azienda regionale di autolinee non superano l’importo di 90 mila euro annui, pertanto non sono stati ridotti.

 E’ opportuno precisare che, in considerazione del momento difficile che vive il settore del TPL nel nostro paese, il direttore generale di Arpa non ha richiesto il recupero della parte di salario decurtata, a seguito del pronunciamento della Corte Costituzionale n°223/2012 che ha dichiarato illegittimo il taglio degli stipendi dei dirigenti delle amministrazioni pubbliche e della società a capitale pubblico.

Pertanto, precisa il Presidente Massimo Cirulli, è priva di ogni fondamento la notizia diffusa dal consigliere regionale Claudio Ruffini che attribuisce ad Arpa un comportamento illegittimo a proposito delle paghe dei suoi dirigenti.

 

Ufficio stampa

08714243204

3351231762

ARPA spa - via Asinio Herio, 75, Chieti direzione@arpaonline.it – arpapec@pec.arpaonline.it - PI 00288240690 grafica e contenuti di proprietà di ARPA spa - vietata la riproduzione anche parziale powered by C.D. Trade Srl - P.IVA 01731380695